Un orologio fiorentino d’epoca medicea

Lorenzo Todini tra il 1684 e il 1688 consegna all’amministrazione del Gran Principe Ferdinando un gruppo di delicate miniature a tempera su pergamena con vasi, fiori e uccelli su fondo bianco (ASFi, depositeria generale432, c. 85v, c.130). Opericciole di maniera ma non prive di una certa grazia, ispirate agli esempi di Giovanna Garzoni e Jacopo Ligozzi. L’inventario di Villa del Poggio a Caiano del 1697 ne annovera otto, “con adornamento tinto di nero e battenti dorati” collocate nei mezzanini del Gran principe Ferdinando.  Oggi di quell’originario insieme ne rimangono cinque (S. Casciu, Villa medicea di Poggio a Caiano. Museo della natura morta, catalogo dei dipinti, Firenze, 2009, p. 388 e sgg.). Tutte recano date che vanno dal 1684 al 1688; quest’ultima (inv. 1980, n. 3522) è anche firmata “Laurentius de Todinis Florent.s”.

Lorenzo Todini Vaso di fiori

Lorenzo Todini, 1684-1688 ca. Vaso di fiori. Tempera su pergamena. Poggio a Caiano, Villa Medicea

Sono invenzioni assai prossime, anche tecnicamente (tempere su carta applicata su pergamena), alla mostra del nostro orologio sia per il trattamento pittorico, sia per le scelte cromatiche caratterizzate da rossi, azzurri e ocre gialle (nella mostra dell’orologio un poco sbiadite). I fiori, derivati da repertori a stampa, che Todini doveva frequentava con assiduità, sono rose, anemoni, garofani  e tulipani sempre arricchiti da uccellini e pappagallini.

L1005826

Lorenzo Todini e artigiani fiorentini, 1690 ca. Orologio in legno ebanizzato, intagliato e dorato. Collezione privata

L’”adornamento tinto di nero con i battenti dorati” di quei quadretti si fa nel nostro orologio una ben modanata scatola in legno ebanizzato e due ordini di cornici intagliate e dorate contenente un orologio a pendolo con contrappeso a carica giornaliera. Nell’insieme si tratta di manufatto fiorentino di squisita fattura, databile all’ultimo decennio del XVII secolo, in perfetto accordo cronologico con la mostra stilisticamente prossima alle opere di destinazione medicea del Todini.

 

 

 

You must be logged in to post a comment